* La Bioterapia

* Fondamenti scientifici della Bioenergia

* La mia storia

* Cromo-prano terapia

* Contatti

   

 Fondamenti scientifici della Bioenergia

Piuttosto che cercare di portare legittimazioni alla mia pratica terapeutica rifacendomi a filosofie orientali, pratiche di guarigione sciamaniche e via dicendo, ho preferito orientarmi sugli studi relativi al fenomeno della bioenergia svolti da scienziati (accreditati o meno) all'interno della cultura occidentale. Scienziati che, dopo aver svolto un ruolo all'interno del progresso scientifico e filosofico Europeo (e così bene o male al riparo da accuse di misticismo, mode esoteriche, religioni new age e via dicendo...) abbiano proseguito i loro studi in questo settore, impiegando però le metodologie di ricerca ed analisi dei fenomeni tipiche della scienza moderna.

Ripercorriamo così nelle pagine che seguono le tappe fondamentali della storia della Bioenergia all'interno del pensiero occidentale.

 

FRANZ ANTON MESMER E IL MESMERISMO

-

Il fenomeno della pranoterapia fece il suo inconsapevole ingresso all'interno della medicina occidentale già verso la metà del '700, grazie a un medico Viennese, Franz Anton Mesmer, scienziato-mecenate citato anche da Mozart all'interno della sua opera "così fan tutte".
Anton Mesmer dopo numerosi esperimenti, iniziò ad intuire come i magneti potessero, se impiegati nel modo giusto, avere delle proprietà terapeutiche sugli esseri viventi.
Da là iniziò ad elaborare una teoria secondo la quale alla base della vita dovesse esserci un'energia sconosciuta che lui chiamò "magnetismo animale". Fu così che fondò a Vienna la "clinica magnetica" allo scopo di indagare i fenomeni prodotti da questo tipo di energia, costruendo anche accumulatori in grado di immagazzinarla.
Così, dopo anni di studi, sperimentazioni e successi terapeutici, si rese conto di essere in grado di effettuare guarigioni "miracolose" su pazienti affetti anche da malattie croniche ed invalidanti (ridiede la vista a una ragazza cieca dall'età di 4 anni...) semplicemente anche solo grazie all'imposizione delle mani.

Nonostante però i suoi documentati successi terapeutici (guarì da una paralisi totale il consigilere Accademico Osterwald ...) e i riconoscimenti ufficiali (Il 28 novembre 1775 venne solennemente proclamato membro onorario dell'Accademia Bavarese), nel momento in cui Mesmer si propose di costituire, con i suoi colleghi, un gruppo di studio allo scopo di indagare scientificamente il fenomeno con gli strumenti messi a disposizione dalla scienza del tempo, andò inesorabilmente incontro all'ostilità della lobby dei medici Viennesi dell'epoca (anche perchè Mesmer, nonostante effettuasse con successo guarigioni inspiegabili, non richiedeva alcun compenso per le sue prestazioni, e di conseguenza sicuramente rappresentava un temibile concorrente per tutta la classe medica Viennese).

Da tale lobby fu di conseguenza così osteggiato e coperto di ridicolo al punto da essere costretto, in seguito a un'ordinanza legale, ad abbandonare la città.
Trasferitosi quindi a Parigi, grazie alle sue cure si ingraziò la borghesia aristocratica del tempo (pur con l'opposizione della monarchia di Luigi XVI e della solita lobby della medicina) al punto tale che, insieme a un grosso numero di potenti simpatizzanti, costituì una'associazione di stampo massonico allo scopo di divulgare al mondo la sua filosofia, filosofia alla cui base sottostava la certezza dell'esistenza, nell'universo, di un'energia che era all'origine della vita e che era trasmissibile da un'essere vivente a un'altro. Raccomando comunque a tutti di leggere la sua storia (degna di un romanzo romantico dell'800...) cliccando sul link al fondo della pagina.

http://www.psyco.com/ipnosi/oldipnos/mesmerismo.html

 

KARL FREIHERR VON REICHENBACH E L' "OD"

Le ricerche effettuate da Franz Anton Mesemer vennero poi autonomamente proseguite da uno scienziato Tedesco, il Barone Karl Freiherr von Reichenbach.
Ora, Karl von Reichenbach non era uno studioso qualsiasi, bensì un chimico, fisico ed industriale i cui studi e le cui opere hanno svolto una parte essenziale nell'evoluzione della chimica, della metallurgia e della tecnologia occidentale in generale (a lui si deve la scoperta del kerosene e della paraffina).
Grazie ai proventi delle sue scoperte, Karl von Reichenbach, fu in grado di finanziare e proseguire autonomamente gli studi sui fenomeni magnetici ed energetici interrotti da Anton Mesmer. Arrivò così a formulare la teoria che alla base dell'esistenza dell'universo ci fosse una forma di energia sconosciuta, misurabile ed immagazzinabile tramite determinati apparati, che lui chiamò OD (in omaggio al dio Odino).

Questo scienziato è stato inoltre uno dei pochi che ha lasciato ai posteri una serie di libri che in molti casi rappresentano uno dei casi più eclatanti della cosiddetta "scienza dimenticata" e che sono comunque tuttora reperibili. (crf. bibliografia al fondo della pagina) Quello che comunque ci interessa qui sottolineare è come, durante un esperimento, il Barone osservò che all'interno di un campo magnetico creato artificialmente, in corrispondenza con un dato allineamento con il campo terrestre, vi si poteva osservare un cerchio multicolore, in cui i colori si succedevano con la stessa sequenza della scomposizione della luce solare attraverso il prisma (lo stesso fenomeno che da luogo agli arcobaleni) andando dal violetto al rosso, e riprendendo la successione formando una spirale.
(cfr: http://www.diamondhead.net/chapt3.htm)
La stessa spirale (o vortice colorato) di cui Alga mi ha sempre parlato, e che ha voluto riprodotta nella pagina iniziale del sito.

http://www.luminet.net/~wenonah/history/odenergy.htm

 

ALBERT ABRAMS E LA RADIONICA

Verso la fine dell'800 invece, lo scienziato americano Albert Abrams (1863-1924), sempre seguendo metodi sperimentali, si rese conto di come l'organismo umano presentasse delle reazioni verificabili (contrazioni specifiche di determinati muscoli dell'addome) in presenza di tessuti organici malati, o addirittura nel qual caso fosse collegato, tramite un cavo elettrico, ad un altro paziente. Chiamò questa reazione "l'effetto Abrams".
Abrams si rese poi conto di come fosse anche possibile misurare l'energia che il paziente recepiva, e di come fosse possibile correlare le misurazioni effettuate a una vasta serie di malattie, ognuna delle quali presentava il proprio specifico "spettro energetico".

Anche in questo caso quindi, lo studioso giunse alla conclusione di come la malattia si presentasse come "uno stato alterato di energia". Gli studi di Albert Abrams furono poi proseguiti con successo dal medico chiropratico Ruth Drown, che perfezionò l'apparecchio di Abrams e costruì un'apparato in grado di misurare lo stato energetico (e di conseguenza effettuare la diagnosi) del paziente solo a partire dall'analisi di campioni del suo sangue. Tale tipo metodologia, (e conseguente terapia per il riequilibrio enrgetico), prese così il nome di "Radionica".

Chiaramente, in conseguenza dei successi terapeutici ottenuti, Ruth Drown, fu perseguitata dal governo USA, e condannata nel 1951 ad interrompere l'attività.
Tuttora infatti la pratica della terapia Radionica è considerata illegale negli Stati Uniti. L'associazione Radionica comunque, prosegue con successo i suoi studi in Inghilterra.

http://www.radionic.co.uk
http://www.radionica.it

 

ALEXANDER G. GURWITSCH E I BIOFOTONI

Se volessimo andare oltre, non possiamo non citare gli studi sui biofotoni inizati negli anni '20 dallo scienziato russo Alexander G. Gurwitsch. Gurwitsch, facendo degli studi sulla germinazione dei vegetali, si rese conto di come questi emettessero un tipo di energia che non pareva appartenere a nessuna delle forme usuali di energia conosciute dalla fisica classica di allora, energia che chiamò "Radiazione mitogenetica".

Durante gli anni '50 però, grazie all'invenzione del fotomoltiplicatore, e grazie anche alle ricerche del fisico Italiano Ugo Facchini (docente alla facoltà di Fisica della Università di Milano), si riuscì a misurare questo tipo di energia, che ora si ipotizza sia composta da nuove particelle subatomiche che appunto sono state chiamate biofotoni.
Attualmente questi studi sono portati avanti in Germania dal professor Fritz-Albert Popp, ed esistono al mondo almeno 40 gruppi di studio sull'argomento.

http:// www.lifescientists.de
http://mizar100.it/i_biofotoni.htm
http://www.biophotonik-international.de/biophotons.htm
http:// www.naturalmedecine.org/bioelettr/biofotoni_bioterapia.htm
http://www.mednat.org/bioelettr/biofotoni.htm

 

WILHELM REICH E L'ENERGIA ORGONICA

Capitolo a parte poi meriterebbe anche la storia del medico psicanalista Wilhelm Reich, uno scienziato originario della Galizia, formatosi a Vienna e in seguito unitosi alla scuola psicanalitica di Freud, e considerato da lui stesso uno dei suoi più brillanti allievi.

Wilhelm Reich, durante gli anni '30 ebbe l'intuizione che tutti gli esseri viventi avessero in comune un'energia che lui chiamò Orgone e, proseguendo gli studi in questa direzione, arrivò anch'egli a costruire apparati in grado di immagazzinarla, in modo così da renderla utilizzabile sia per curare malattie, che per ripristinare l'equilibrio dei campi energetici terrestri stravolti da esperimenti nucleari, radiazioni elettromagnetiche...

Trasferitosi quindi negli Stati Uniti, e continuando là i suoi studi, il Dott. Reich ebbe l'avventatezza di fidarsi delle istituzioni governative e, seguendo quindi un copione già visto, fu naturalmente accusato dal governo USA di ciarlataneria, e in conseguenza di ciò, i suoi studi distrutti (tra l'altro, in omaggio alla libertà di pensiero Statunitense, tutti i suoi libri furono BRUCIATI), e lui condannato ed imprigionato.
Fu così che Wilhelm Reich finì i suoi giorni in carcere, dove morì "misteriosamente" giusto una settimana prima di essere liberato. Non soddisfatti, gli americani infierirono anche sul suo cadavere, dal cui i suoi organi interni furono prelevati e distrutti, in modo da impedirne l'autopsia...

Ora, sarebbe troppo lungo proseguire su questo argomento vista la quantità e la mole del materiale presente on-line, per lo più esclusivamente in inglese e tedesco, motivo per cui lascio a chi ha voglia di approfondire una serie di Links ai siti più seri e specifici che ho trovato, ciò non toglie comunque che mano a mano aggiungerò informazioni su questa serie di argomenti.

http://www.orgoneitalia.com/who/chiera.htm
http://orgone.org

 

LINK CONSIGLIATI

CIRCA UNA STORIA DELLA BIOENERGIA (in Inglese)
http://www.diamondhead.net/tmw.htm

BIBLIOGRAFIA CONSIGLIATA

Researches on Magnetism, Electricity, Heat, Light, Crystallization and Chemical Attraction in in Relation to the Vital Force
Kessinger Publishing

Reichenbach's letters on OD and magnetism
F.D. O'Byrne

The dynamics of vital force
[Physico-physiological Researches on the Dynamics of Magnetism, Electricity, Heat, Light, Crystallization, and Chemism]

The Od force
(1854)

Somnambulism and cramp
(1860)

 
           
  Copyright 2005 Alga Ravennati