* La Bioterapia

* Fondamenti scientifici della Bioenergia

* La mia storia

* Cromo-prano terapia

* Contatti

 

   

  La mia Storia

Mi chiamo Alga Ravennati, sono nata a Bologna il 18/6/1948. Nelle righe che seguiranno cercherò di esemplificare, nei suoi passaggi fondamentali, il percorso che mi ha portato a diventare quello che sono...

Fin dall'età 6 anni sono sempre vissuta in un quartiere periferico di Bologna, dove abito tuttora, in v. Abba 28. Vengo da una famiglia non benestante, in cui eravamo, oltre che i miei genitori, io, mia sorella e due fratelli.
I miei genitori erano cattolici e di conseguenza, ho avuto una educazione religiosa, mi e stato insegnato a dire le preghiere tutti i giorni, ad andare a catechismo ed a messa, e poi, dato che ero anche una bambina molto introversa, quando andavo in Chiesa mi trattenevo anche dopo la Messa, e lì rimanevo anche delle ore a parlare con Dio, come fosse una persona, e mi ricordo che in quei momenti mi sentivo veramente bene.
Il mio sentimento religioso é sempre stato molto profondo, e questo con gli anni si sviluppò a tal punto che per un certo periodo iniziai anche a desiderare di farmi suora, ma così non fu...
Fu infatti da bambina che iniziai ad avere le avvisaglie di quelle che poi sarebbero diventate le mie capacità, cosa di cui all'epoca non mi resi assolutamente conto, dal momento che le cose che mi succedevano mi sembravano completamente normali.
Una cosa che mi accadeva spesso, infatti si verificava al momento di addormentarmi.
Era come se talvolta mi si materializzasse davanti una specie di grosso vortice luminoso, colorato come un arcobaleno dalle tonalità forti, e da questo vortice mi sentivo poi come risucchiata e trasportata in luoghi che non avevo mai visto, di una bellezza sorprendente.
La maggior parte delle volte questi luoghi erano dei giardini immensi, straripanti di natura selvaggia e pieni di fiori dai colori fortissimi, in questi posti poi incontravo persone che non avevo mai visto prima con cui mi mettevo a parlare e, stando con loro, mi ricordo che provavo una pace immensa.
Questo, capii poi, fu il mio primo contatto col mondo della medianità, ma essendo nient'altro che una bambina, ero convinta che questi non fossero solamente di sogni...
Crescendo poi, iniziarono a capitarmi altre cose poco comuni.
Mi succedeva ad esempio, che quando incontrava degli amici che, per una ragione o per l'altra, soffrivano di qualche male o avevano dei problemi che non riuscivano a risolvere, questi mi iniziassero regolarmente a raccontare tutto... e io partecipavo così intensamente ai loro racconti, che iniziavo a sentire le loro sofferenze o ansie come fossero le mie, al punto tale che mi sembrava di entrare in una specie di simbiosi con loro.
Accaduto questo poi, andavo a casa e pregavo Dio, di modo che li aiutasse. Regolarmente, quando li rincontravo, la causa del loro male o delle loro preoccupazioni era sparita...
Questa cosa diventò talmente la norma che, dopo un pò, iniziò a circolare per il quartiere la voce per che io portassi fortuna, e così mi succedeva che anche persone che non avevo mai visto né conosciuto iniziassero a cercarmi, anche solo per avermi vicino...
Tutto continuò così per un periodo fino all'età di 17 anni, e terminò nel momento in cui accadde la disgrazia che sconvolse completamente la mia vita. Successe che il mio fratello maggiore, il piu caro che avevo, mori improvvisamente in un incidente stradale.
Semplicemente, mentre andava in motorino, la gomma che aveva cambiato il giorno prima scoppiò, e lui cadde morendo sul colpo...
Questo trauma per me fu una cosa così assurda, e il dolore che mi provocò fu così tremendo che, di colpo, smisi improvvisamente di credere in tutto quello in cui avevo creduto fino a quel momento, rinnegando così anche tutta la fede che fino ad allora avevo riposto in Dio.
Non potevo concepire come un Dio, che io avevo sempre considerato così buono e pieno di amore per il mondo e l'umanità, mi avesse potuto togliere in maniera così brutale e inspiegabile la persona che amavo di più, dandomi un dolore così enorme.
Quello che provai in quel momento fu così atroce che la mia coscienza ne fu completamente annientata, al punto tale che non riuscii più, né a considerare le persone che avevo intorno e tanto meno i loro problemi. A causa di ciò, mi chiusi completamente in me stessa e di conseguenza, anche quella capacità che avevo avuto fino a quel momento di aiutare gli altri improvvisamente sparì...
Da quel momento in poi, la mia vita iniziò lentamente a degenerare, e il dolore che mi portavo dentro iniziò a consumarmi lentamente, sia fisicamente che psicologicamente. Questa situazione perdurò per anni, anni durante i quali non feci altro che lottare contro quella sofferenza che mi assillava, al punto tale che arrivai sull'orlo del completo deperimento fisico.
Fu così che un giorno, una mia amica, vistami in quelle condizioni, con la scusa di farmi distrarre mi fece uscire di casa e mi portò da un conoscente.

Io non sapevo chi fosse questa persona, e tanto meno di che cosa si occupasse, la mia amica mi disse solo che aveva piacere che io la conoscessi, e così acconsentii e andai con lei.
Una volta giunta a casa sua successe però che, dopo aver iniziato a parlare così, senza particolari propositi, istintivamente presi a raccontargli tutto quello che mi era successo...
Costui, dopo avermi ascoltato per un pò, cominciò lentamente a darmi una serie di spiegazioni, sia riguardo la situazione che stavo vivendo in quel momento, che sul senso di quello che mi era successo in passato, sulle cose che mi capitavano da bambina, sulla la mia fede rinnegata...
Ed improvvisamente ebbi la sensazione che, ascoltando le sue parole, tutte le cose che mi erano accadute andassero improvvisamente ognuna al loro posto, all'interno di un quadro che si stava formando man mano che lui proseguiva con le sue spiegazioni, quadro che finiva per risultarmi completo e razionale.
Questo succedeva però nel momento in cui, io accettavo una serie di presupposti e concetti anche lontani dalla mia cultura e dalle cose in cui avevo creduto fino a quel momento, sto parlando di cose come; l'ineluttabilità della reincarnazione, l'esistenza sia del mondo della spiritualità, che di un'energia universale di cui siamo pervasi senza la quale non esisterebbe la vita, e via dicendo...
Da quel momento in poi così, iniziai a fare miei ed a integrare all'interno del mio sistema di credenze tutto quello che quest'uomo mi spiegava, e di conseguenza continuai ad andarlo a trovare.
Andando così avanti nella reciproca conoscenza, capii poi che questa persona non era giunta a quel livello di consapevolezza per caso, e che la cultura che dimostrava di possedere era tutt'altro che improvvisata, ma era bensì il risultato di un complesso percorso di studi che avevano compreso, sia la storia delle religioni, che la filosofia, che l'antropologia culturale. Oltre a ciò, quest'uomo aveva studiato sul campo sia la vita che i rituali di numerose comunità tribali del pianeta, comunità presso le quali aveva anche risieduto durante i suoi numerosi viaggi. Da alcuni guaritori tribali poi, era poi stato anche iniziato, sia alla conoscenza, che all'esercizio di diversi tipi di pratiche sciamaniche.
In seguito a ciò, era così giunto ad elaborare una sorta di sua religione sincretica, che integrava al suo interno sia elementi tipici delle religioni cosiddette istituzionali (come la religione Cattolica, Buddismo o il Taoismo) che le conoscenze ancestrali di cui era entrato in possesso.
Accadde così, che dopo qualche incontro questa persona iniziò ad intuire che io potessi essere in possesso di doti simili alle sue, che avrei potuto impiegare per curare gli altri, e quindi, dopo avermi sottoposta a delle prove specifiche, mi convinse ad intraprendere un percorso di studi che mi permettesse di svilupparle al meglio...
Non spenderò qui ulteriori parole riguardo a questo argomento, dal momento che questo, come altri particolari, saranno trattati nel libro che sto scrivendo. Basti sapere che é stato sia grazie sia agli studi, che all'iniziazione alla pratica di determinate tecniche di guarigione cui mi sono sottoposta, che da anni sono in grado e di effettuare le terapie che mi permettono aiutare, sia le persone, che gli esseri viventi in generale.

 
           
 © Copyright 2005 Alga Ravennati